venerdì 9 marzo 2012

Impostazioni fondamentali: l'unità di misura

Prima di iniziare a creare qualsiasi documento, vi è un'operazione da compiere, spesso sottovalutata (o addirittura ignorata) dall'utente medio ma assolutamente fondamentale: l'impostazione dell'unità di misura.

La scelta dell'unità di misura, in Finale, è un parametro che di per sé non ha alcun effetto sull'aspetto del documento e sull'eventuale stampa dello stesso; essa però influenza in modo decisivo la connotazione di moltissime finestre di dialogo, ossia tutte quelle che contengono dati numerici riferiti alla misurazione (lunghezza, larghezza, altezza, distanza, etc.) dei principali elementi grafici della partitura.
Per questo motivo, è davvero importante scegliere con cura l'unità di misura con cui si intende lavorare. Finale, a questo proposito, ci offre ben sei possibilità: EVPUs, Pollici, Centimetri, Punti, Pica e Spazi.
Vediamo come accedere a queste opzioni e quali sono le caratteristiche di ciascuna di esse.
  1. Per la scelta dell'unità di misura desiderata, la procedura è differente a seconda della piattaforma utilizzata:
    • su Mac, si segua questo percorso: Finale 2012 / Preferences / Measurement Units /
    • su PC, si segua questo percorso: Edit / Measurement Units /

  2. A questo punto, si potrà selezionare l'unità di misura desiderata:
    • gli EVPUs sono l'unità di misura predefinita di Finale; questo strano nome è in realtà un acronimo per ENIGMA Virtual Page Unit (*), e un EVPU è un piccolissimo spazio corrispondente per l'esattezza a 0,00882 cm!
      I vantaggi nell'utilizzo degli EVPUs sono principalmente due: in primo luogo, trattandosi di una misura estremamente piccola, sono possibili misurazioni e spostamenti di assoluta precisione; in secondo luogo, la maggior parte delle dimensioni degli oggetti grafici in Finale sono state pensate dagli sviluppatori proprio in EVPUs, e di conseguenza avremo sempre numeri interi e facilmente memorizzabili (per esempio, la larghezza standard di una battuta è impostata a 600 EVPUs, e se dovessimo ricordare tale cifra in centimetri ci troveremmo di fronte a un difficilissimo 5,29167!).
      (*) Anche la prola ENIGMA è un acronimo, e sta nientemeno che per... Environment for the Notation of Intelligent Graphical Musical Algorithms! Esso designava in origine il nome in codice del software; fortunatamente in seguito i suoi creatori decisero di assegnare al programma un nome meno... inquietante!
    • I Pollici (Inches), come noto, sono una misura tipica del mondo anglosassone e vengono usati principalmente nel Regno Unito e negli USA.
      Gli utenti italiani, a meno che non sussistano specifiche ragioni personali o professionali, conoscono i Pollici quasi esclusivamente perché con essi si misura la grandezza di un display, sia esso quello della TV, del monitor di un personal computer, di un telefono cellulare, etc.
      È piuttosto improbabile, perciò, che un utente italiano scelga i Pollici come unità di misura per lavorare con Makemusic Finale; per la cronaca, comunque, 1 pollice corrisponde a 2,54 cm e a 288 EVPUs (cfr. tabella delle corrispondenze in calce al presente articolo).
    • I Centimetri, ovviamente, non hanno bisogno di presentazioni. Ogni italiano li conosce e li utilizza quasi quotidianamente, insieme ai relativi multipli e sottomultipli, per misurare qualsiasi oggetto (reale o virtuale).
      In Finale, l'utilizzo dei Centimetri è ovviamente il più consigliato nel caso non si voglia avvalersi degli EVPUs, che rimangono comunque a mio avviso la scelta migliore per i motivi sopra citati.
    • I Punti (Points) sono unità di misura piuttosto piccole, nate in ambito tipografico e corrispondenti esattamente al quadruplo degli EVPUs. Di conseguenza, 1 Punto corrisponderà a 4 EVPUs e a 0,035 cm (cfr. tabella in calce).
      In genere gli utenti informatici si servono di questa unità di misura piuttosto spesso, anche se inconsapevolmente, per misurare le dimensioni dei font (ad esempio, si dice: Times New Roman, dimensione 16 punti) o la risoluzione di un'immagine (ad esempio, si parla comunemente di immagini JPG a 300 dpi, dove "dpi" significa "dots per inch" (punti per pollice).
      In pratica, come si deduce dagli esempi appena citati, i Punti sono unità di misura piuttosto importanti nel mondo dell'informatica; tuttavia, se restringiamo il campo a Finale, non vi sono particolari ragioni che ne consiglino l'uso, e si suggerisce perciò di utilizzare preferibilmente EVPUs o Centimetri.
    • I Pica, come i Punti, nascono in ambito tipografico (furono definiti e introdotti alla fine del XVIII sec.) e sono detti anche ciceri o righe tipografiche. Un Pica corrisponde esattamente a 12 Punti, quindi a 48 EVPUs e a 0,42 cm (cfr. tabella in calce).
      In ambito informatico, il Pica viene utilizzato soprattutto dai programmi di produzione editoriale, come QuarkXPress e Adobe InDesign; da questo punto di vista Finale, essendo una sorta di "parente" di questi software, è stato giustamente dotato di questa unità di misurazione, anche se nella pratica comune essa non viene particolarmente utilizzata.
    • Gli Spazi, infine, sono delle vere e proprie unità musicali (non tipografiche come le precedenti), e si riferiscono alla distanza fra due linee di un pentagramma. Convenzionalmente, Finale fissa tale distanza a 24 EVPUs, per cui l'altezza di default di un pentagramma sarà ovviamente di 96 EVPUs, ossia 0,85 cm.
      Può essere utile impostare l'unità di misura in Spazi per visualizzare, anche solo temporaneamente, i rapporti fra il materiale musicale presente in una pagina: sapendo, ad esempio, che un pentagramma misura 4 Spazi, si potrebbe impostare la distanza fra i righi a 12 Spazi così da creare un effetto, visivamente gradevole e coerente, di rapporto 1:3 fra i suddetti elementi.
  3. Come detto, dopo aver selezionato un'unità di misura, tutte le finestre di dialogo interessate riporteranno i propri valori numerici nell'unità prescelta.
    Tuttavia, in caso di necessità Finale consente di effettuare una sorta di "bypass" on the fly a tale impostazione: sarà sufficiente aggiungere nella casella prescelta, dopo il valore numerico, il nome dell'unità di misura stessa (o la sua abbreviazione) e premere OK. Il software effettuerà una conversione istantanea del valore inserito nell'unità impostata di default.
    Ecco l'elenco delle abbreviazioni accettate da Finale all'interno delle proprie finestre di dialogo:


Si dà infine una tabella delle corrispondenze fra tutte le unità di misura presenti in Finale, così da rendere più chiaro quanto esposto:



Nota. Tutti i post di questo blog vengono pubblicati in contemporanea anche nel portale MusicOff, la grande comunità italiana di musicisti con più di 25.000 iscritti.
È possibile seguire il corso anche su quelle pagine e partecipare alle relative discussioni del forum.

Nessun commento:

Posta un commento